giovedì 11 ottobre 2012

Sono ancora qui.
Mi sento come se mi fosse passato sopra uno schiacciasassi, ma ci sono ancora.
Non so bene cosa fare, non so cosa dire.
La mia nonna non c'è più.
Vederlo scritto fa paura.
In un mese e mezzo si è spenta. Lei, che non era mai stata in ospedale, neanche per partorire.
Lei che stava bene. Lei che alla mia laurea ha voluto farsi tutta la strada fino al bar del rinfresco a piedi, con quaranta gradi.

Io forse non mi sono ancora resa conto.
Mi sembra assurdo.

E penso.
Penso a quando mi ha insegnato a lavorare a maglia e all'uncinetto. A quando andavo da lei da piccola e mi faceva mangiare le patatine col ketchup per merenda. Alle fettine di mela che mi dava mentre eravamo sedute sulla scala esterna di casa sua. Alle caramelle che aveva sempre in borsa e che mi portava sempre quando stavo male. Ai peperoni che le piacevano tanto e che metteva dappertutto, anche dove non dovevano starci. Alle melanzane al funghetto, a me non verranno mai come le faceva lei. Alla felicità vera che mi dimostrava quando andavo a trovarla. Al fatto che io sono colei che l'ha fatta diventare nonna e che per sette anni sono stata la sua unica nipote. Al rosario di Lourdes che guardava sempre in tv. A quando, da piccola, mi lasciava togliere tutti i cuscini dal suo divano così ci potevo giocare. Ai pisellini del suo orto che io mangiavo crudi. Ai maglioni che mi faceva con le sue mani. A come chiamava i ghiaccioli "stick". A come non si sia lamentata mai.

Nonna, ti voglio bene.

24 commenti:

  1. Mi dispiace tantissimo, Laura. Ti stringo in un abbraccio, ma tu ora devi essere forte.
    Io, che di nonni ne ho ancora fortunatamente tre, penso spesso a come farò quando non ci saranno più. Ecco perché cerco di godermi ogni istante in loro compagnia, e tento di tener stretti a me tutti i ricordi, quei più piccoli dettagli che anche tu hai scritto nella seconda parte del post.
    Sarà dura, ma sono certa che anche tu sai benissimo che lei non se n'è davvero andata: FA PARTE DI TE, e ti rimarrà accanto per sempre.
    Per qualunque cosa, mi trovi qui.

    RispondiElimina
  2. E' complicato lenire il dolore altrui, e non è quasi mai il caso di provarci, perché il dolore passa quando è il momento. Il vuoto è e sarà grande, ma i ricordi di tua nonna, quelli non te li porta via nessuno. Un bacione grande grande! :*

    RispondiElimina
  3. Mi dispiace immensamente. Ci sono passata anche io non molto tempo fa. Capisco.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  4. Un abbraccio forte! Purtroppo posso capire molto bene; la mia se ne è andata una notte, si è addormentata, senza un avviso, senza un apparente perché..

    RispondiElimina
  5. E' brutto, lo so per esperienza. Ci sono passata l'anno scorso. La differenza sta nel fatto che la mia, di nonna, era malata da tempo. Questo però non allevia il dolore e fa rimanere comunque, sempre, la mancanza. Forza, la tua nonna è con te. Ancora.

    RispondiElimina
  6. Ci siamo passate tutte, purtroppo perdere un nonno è triste quanto inevitabile :(
    Fatti forza e conserva i ricordi più belli, facendoli rivivere nelle cose che facevate insieme!
    Un abbraccio sincero da una sconosciuta.

    RispondiElimina
  7. Mi dispiace tanto. I nonni sono molto preziosi.

    RispondiElimina
  8. Ti abbraccio forte. Fai tesoro di tutto.

    RispondiElimina
  9. Capisco perfettamente il dolore che si prova, io ho perso i miei nonni anni fa e a luglio anche il mio papà....non ci sono parole per descrivere quello che si si sente dentro al cuore.
    La vita va avanti, deve andare avanti.
    Si crede di stare bene....poi riaffiora un ricordo, un'immagine e non si possono trattenere le lacrime.
    Il mio papà mi manca, tantissimo; quando sto male gli parlo e lo sento vicino, mi è capitato più di una volta di parlare con lui e poi sentirmi più tranquilla.
    Anche la tua nonna ti è vicina e veglia su di te.
    Ti abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  10. mi dispiace tanto. un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Già sai.
    Stringi i pugni, forte forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pugni li ho stretti fortissimo ieri, durante il funerale.
      Dovrò continuare a farlo.

      Elimina
  12. Un abbraccio forte forte. Spero che tu la possa sentire vicino e magari sognare, così è come se venisse a trovarti...come la mia!

    RispondiElimina
  13. Grazie a tutte ragazze, davvero.
    Per le vostre parole e per il vostro sostegno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi spiace tanto, Laura, veramente. La mia nonna stava abbastanza bene e di punto in bianco, nel giro di due settimane, si è spenta. E di lì a pochi giorni dovevo pure dare l'esame di stato... Penso mi sia andato bene perchè avevo lei accanto, l'ho sempre pensato.
      Sii forte, all'inizio è pesa e dura da matti, ma passa piano, piano e tu puoi tenerti stretti tanti bei ricordi.
      Un abbraccione grande

      Elimina
  14. Un abbraccino.
    E anche un bacio.

    RispondiElimina
  15. Un abbraccio di quelli stretti stretti...

    RispondiElimina
  16. Quanto ti capisco... ho perso mia nonna 12 giorni fa. Lei che aveva 99 anni e non era mai stata male. Temevo il giorno in cui sarebbe arrivato il momento di separarci. Ho 34 anni e non c'è stato giorno che non abbia vissuto con lei (abitava nello stesso fabbricato mio e dei miei genitori)e per quanto stringessi i pugni al suo funerale mi sono ritrovata in lacrime, inconsolabile... e quanto ho pianto e piango ancora mentre ti scrivo.... in questi momenti capisci che tutte le parole di consolazione che ti dicono (ancorchè le più sincere) non servono a nulla, un dolore così deve "passare" da sé. Mi spiace sinceramente e ti abbraccio.
    Nat

    RispondiElimina
  17. Ti sono vicina. Conosco bene il tuo dolore e credimi so come stai!
    Sii forte e continua a far vivere la tua nonna nei tuoi pensieri!
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  18. Mi sembra di leggere me.
    Lunedì è morta nonna,dopo due mesi di malattia e a soli 72 anni.
    Lei che come la tua mai si era lamentata, mai era stata male.
    E pensopensopenso a tutte le cose che abbiamo fatto insieme.
    E c'è questo buco dentro di me che fatica a chiudersi.

    RispondiElimina
  19. Scusa ma..anche io sono stata la sua prima nipote e, per sette anni, l'unica.
    Paura..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti abbraccio forte, Emma.
      E' dura. E' tanto dura.

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...