venerdì 7 dicembre 2012

Regali senza senso

Tutti a fare liste di regali da fare e da ricevere... Forse la farò anch'io, chi può dirlo. Quella dei regali PER ME, ovviamente. Per gli altri non ho idee. Zero assoluto. Vuoto pneumatico.
Ma qui si vuole parlare d'altro.
Si vuole parlare di regali senza senso.
Non necessariamente brutti, sono quei doni che quando li apri sei talmente stupefatto che non riesci neanche a fare la faccia falsa da "Ohoo, è proprio quello che volevo".

Il primo regalo senza senso che ricordo me l'hanno fatto i miei.
Avrò avuto cinque anni, forse sei.
Io non ho mai avuto particolare propensione per la musica, nè desiderio di suonare, magari cantare sì (per questo il Cantatu con le cassettine è stato un regalo azzeccato), ma suonare mai. Tanto meno a cinque anni. E, paf, loro mi hanno regalato una pianola. Una roba enorme, pesantissima, quando la accendevi buttava fuori aria (?) e faceva rumore ancora prima di iniziare a schiacciare i tasti. Niente basi preregistrate, in fondo era il 1988, non esageriamo con la tecnologia.

Ho preso questa immagine da Google, ma è proprio lei!
Poi c'era mia zia. Che ogni anno, OGNI MALEDETTO ANNO, mi regalava un puzzle. Di un milione di pezzi. E a me non sono mai piaciuti i puzzle. Mi annoiano. Mi stufo subito. E lei andava avanti imperterrita. "Ecco, il tuo regalo, vedrai quanto ti piacerà". Sì, proprio tantissimo.


Pochi anni fa, quando avevo ancora uno straccio di moroso, lui mi ha lasciato basita.
Mi ha regalato un cestone per i panni sporchi di stoffa arancione. A parte il fatto che io ODIO l'arancione di un odio viscerale da sempre. Ma per Natale mi regali un cestone per i panni? Ero talmente stupefatta che non riuscivo a spiccicare parola. Capite perché è finita.

Ecco, così, però ARANCIONE

E' giunto poi il turno di Padre. Che un anno si è sognato di regalarmi una cravatta della Juve. Ok, io sono tifosa e tutto, ma una cravatta? Ma perché? Cosa me ne faccio?
Questa è nuova, la mia è a righe. Un classico che non muore mai.

E potrei andare avanti con la lista, ma ve la risparmio.
Ma, per capire, i regali senza senso li ricevo solo io?
Sono curiosa.
Chissà se ne riceverò anche quest'anno.
Attendo fiduciosa.

23 commenti:

  1. Non mi lamenterò mai più dei miei regali "su richiesta". Giuro.

    RispondiElimina
  2. per me la cravatta te l'ha regalata per poi prendersela lui XD

    RispondiElimina
  3. Le scatole di puzzle regalame a me. Io ci esco di testa per i puzzle!!
    Ho trascorso notti senza dormire per rintracciare dannati pezzi di cielo azzurro o di prati verdi :))

    RispondiElimina
  4. LA PIANOLA BONTEMPI.
    Ce l'avevo anche io!!!
    Con quei tasti a sinistra che facevano effetto "organo".
    Ma la tristezza proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tristezza infinita. I tasti a sinistra erano ancora più tristi.

      Elimina
  5. Ecco qua... Il mio post dell'anno scorso sui regali di Natale...

    Povera Shaina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, proprio quello che intendevo.

      Elimina
  6. Mamma mia che tristezza!!!
    A me i miei genitori hanno regalato una pianola a fiato, cioè per farla suonare ci dovevo pure soffiare dentro....orribile!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la diamonica ** da me era d'obbligo nelle ore di musica alle scuole medie. Chissà dove è finita XD

      Elimina
  7. Parliamo per forza di natale? Perchè mia suocera tempo fa mi ha regalato tre animali di pietra (per la precisione oca, ranocchio e coniglio) per il giardino (di circa 2 metri quadrati) che non ti sto manco a dire quanto siano belli.
    La neve (a Roma!!) mi ha aiutata staccando entrambe le orecchie al coniglio.
    :)

    RispondiElimina
  8. Ho sempre paura dei regali di Natale.
    Mia zia un anno mi ha regalato una borsa di jeans a tracolla con le paillettes colorate sulla parte anteriore. Quando l ho aperta volevo morire. L anno scorso con la scusa della crisi ho ricevuto dei calzini di spugna grossi e colorati. Ma per andare dove? e ultimo ma non ultimo un paio di calze a pinocchietto con il nodo sotto il ginocchio. Quest anno che la crisi è ancora più forte spero di non ricevere niente.

    RispondiElimina
  9. A me è successo il contrario.
    Avevo regalato a mia suocera un profumatore della Thun. Profumatore o meno, tutte le cose della Thun sono carinissime e bellissime. Lei ha avuto il coraggio di non metterselo neanche in casa.
    Lo ha lasciato sul tavolo fuori dalla porta.
    Ora ce l'ho io in casa.
    NERVOSO!
    (ok scusate lo sfogo)

    Non era proprio questo, ma più o meno.
    http://www.google.it/imgres?start=90&um=1&hl=it&tbo=d&biw=1280&bih=909&tbm=isch&tbnid=Knpjq8mMNZe0yM:&imgrefurl=http://www.enriquez.it/selezionearticoli.asp%3Flinea%3DTULIP&docid=jq7ss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eeeeehm, se mi regalano una cosa della Thun anch'io la lascio fuori dalla porta!
      Elena

      Elimina
    2. idem. le trovo a dir poco orride. cmq non e carino trattare così un regalo della nuora, per gentilezza doveva per lo meno tenerlo in bella vista un paio di mesi....

      Elimina
    3. ehm ehm... quel profumatore è... teribbile

      Elimina
  10. La pianolaaaa!!! Appena attaccavi la corrente partiva una specie di ventola che faceva un casino assurdo!! Cmq il fidanzato che regala il cesto dei panni no ti prego no!!

    RispondiElimina
  11. Non hai idea quanto amo questo post!

    1. Il mio fidanzato dice che anche a lui hanno regalato la pianola. Ma lui, in quanto chitarrista, ama tutto ció che fa rumore ed era cosí giá da piccolo (povera sua mamma).

    2. Mio padre é il Campione Mondiale di regali senza senso. Una volta sono andata a trovare la mia famiglia per le vacanze e lui mi ha regalato una roba ENORME per fare la fonduta al cioccolato. Prima cosa: non avevo mai cucinato niente in vita mia, la cioccolata la mangiavo e basta. Secondo: dovevo tornare in Italia con l'aereo e avevo giá sei chili di sovrappeso della valigia, dove lo mettevo quel coso gigantesco?
    Dopo un viaggio di lavoro in Turchia mio padre mi ha presentato un maglione almeno tre taglie troppo grande con un orribile logo D&G sopra. Evidentemente falso. Evidentemente da uomo.
    Ciliegina sulla torta, quest'anno, mi ha portato una collanona grossissima con sopra ciondolante un enorme POLIPO ROSA. Non scherzo, un POLIPO. ROSA. Il suddetto fidanzato ha anche avuto il coraggio di dire: ma almeno potresti metterlo una volta. No comment.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che mio padre e tuo padre fanno a gara a chi fa il regalo più assurdo. Un'altra volta il mio mi ha regalato una clessidra enorme. Mah.

      Elimina
  12. la suocera mi ha regalato un ciondolo d'oro bianco a firma di FIORE. aborro. però io lo metto quando vado da lei, per gentilezza verso una persona che è sempre carina e gentile con me.

    RispondiElimina
  13. potrei citare il reggiseno in pizzo celeste taglia 4 quando avevo 13 anni (porto la 2 adesso!!) da mia zia che abita sopra casa mia, quindi mi vedeva abbastanza insomma..potrei citare i 15 peluches regalati dal mio ex quando io odio i peluches (li ho dati tutti al cane)..o potrei dilettarmi con il raccontarti della magliettina in acrilico fucsia con le maniche con le ruches fucsia e viola e una farfalla di glitter viola stampata che non hanno voluto neanche al mercatino dell'usato)...potrei ma non voglio rovinarmi la cena!

    RispondiElimina
  14. anche io avevo quella pianola!!!!!!!!!!! Usando quella ho deciso che volevo studiare piano e così è stato. Allora, regali assurdi ne ho ricevuti ma non tanto per Natale. Mi ricordo mio padrino che per i miei 18 anni mi regalò un orologio della casio che porta ora mio fratello di anni 32, per dirti la raffinatezza. E i nonni di mio marito quando siamo andati a convivere ci hanno regalato un tappeto pregiato enorme e io odio e schifo i tappeti. E mio marito gliel'ha detto, disgraziato, così ho pure dovuto fare la sceneggiata "odio i tappeti ma quello però no lo amo immensamente"

    RispondiElimina
  15. Il regalo più assurdo che mi hanno fatto è stato un sacchetto in tulle con dentro delle perle di plastica... Considerando che le perle non erano nemmeno bucate (magari ci si poteva fare una collana), non ho mai compreso il loro effettivo utilizzo. Ad un primo sguardo poteva sembrare un sacchetto per profumare gli armadi, invece nessun profumo... Aggiungiamo poi che mi è stato consegnato in una busta di Carpisa, chiaramente riciclata, dato che non conteneva nulla che si potesse comprare da Carpisa... Per fortuna l'ho aperto a casa, altrimenti non so se sarei riuscita a contenere la mia faccia a punto interrogativo...

    RispondiElimina
  16. La mamma di mia zia ogni anno mi regalava mutande o calzini. Io facevo finta di gradire, ma mi scocciavo enormemente... perché regali così noiosi?? Adesso pur di non sorbirmi statuette e altre stupidaggini inutile vorrei veramente chiedere a tutti "Regalatemi mutande e calzini, vi prego!"
    (Vabbè, a parte mia suocera che il primo anno che stavo con Riccardo mi ha regalato due paia di collant color DAINO. Velati. E ho il sospetto che mi sia andata bene, potevano essere gambaletti o fantasmini!)

    Comunque c'è stato un periodo in cui mi regalavano solo candele, ma di una bruttezza inenarrabile, oppure trousse portatrucco di quelle che ti danno in omaggio con l'acquisto di X prodotti della marca XXX. Utilissime, per carità, ma regalarle vuote mi imbarazzerebbe un po', non è come regalare una scatola da scarpe senza le scarpe dentro?

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...