lunedì 17 giugno 2013

La verità è che non gli piaccio abbastanza

Oppure che è stupido.
O entrambe le cose.

Ma forse è meglio che vi racconti tutto dall'inizio.
Ma non tutto, sarebbe davvero una cosa lunga.
Tutto ha avuto inizio nel 2006.
Io gli piacevo davvero tanto, io, mah, insomma, sì, non mi dispiaceva, ma sì dai, proviamo a farla funzionare, ma sì dai, però sai cosa, ho trovato un altro che mi piace di più ma non te lo dico però ti lascio CIAO.
L'anno dopo, stessa solfa a parti invertite.
Io persa, lui no. Però uscivamo insieme lo stesso. Un'agonia che non vi sto qui a raccontare, un'estate tremenda, dovevo anche dare l'esame di diritto commerciale a settembre.

Poi il nulla per un po' di tempo.
Io mi sono trovata il moroso, lui si è trovato la morosa.
Lui ogni tanto si faceva sentire, mi chiamava al mio compleanno ma anche in momenti random (probabilmente quando litigava con la fidanzata). Io avevo la mia storia, mi faceva piacere sentirlo e morta là. Non mi facevo mai sentire io.

-Dissolvenza a stella-

Arriviamo ai giorni nostri.
A circa un mese e mezzo fa.
Interno giorno, una domenica mattina di nullafacenza totale in pigiama.
Suona il campanello.
Chi è adesso.
"Buongiorno, sono xxx, c'è Laura?"
"xxx chi?? COSA CAVOLO CI FAI QUA?"
"Sono venuto a trovarti."

Dopo CINQUE ANNI che non ci vedevamo.
Che non ci sentivamo quasi.
Dopo che ti sei trasferito lontano.
Mi capiti a casa.
Capisci che mi viene un infarto.

Chiacchiere chiacchiere, io sempre in pigiama ma con una felpa sopra, ovviamente struccata, un catorcio insomma.
"Ah sai, sono in ferie, resto una settimana dai miei"
"Ah, ok potremmo vederci allora" (il classico "Vediamoci per un caffè" buttato lì che non si mette mai in pratica)
"Mah, sì, chissà."

E invece mi scrive per chiedermi se usciamo la sera stessa.
Anche no.
Ci vediamo un'altra sera.
Anche lì, chiacchiere chiacchiere, allegria, risate, simpatia, ma alla fine IL NULLA della Storia Infinita.
Come vi avevo già accennato.

Continua a farsi sentire per un po', mi chiama addirittura un paio di volte, mi lancia delle sarde* grandi come la regione Lombardia, poi sparisce. O quasi.

Io mi incazzo non poco.
Ma me la metto via. Più o meno.

Finché l'altro giorno non gli chiedo se ci rivedremo prima di altri cinque anni, o se devo direttamente metterlo in agenda per il 2018. Lui mi risponde in un modo che mi fa piuttosto incazzare.
Andiamo avanti a scriverci e mi passa l'incazzatura.
Alla fine mi invita a cena. Ma in pratica è stata circonvenzione di incapace. Fosse stato per lui non credo ci saremmo visti.

Io mi sono messa il vestito di Mango che avevo preso qualche tempo fa e mi dico da sola che facevo la mia porca figura. No tacchi perché non esageriamo.

 Quindi mangia mangia mangia, parla parla parla, mi paga lui la cena (cosa che in trent'anni credo mi sia capitata altre due volte, forse una) (lo so, non è normale), vai a bere qualcosa, parla ancora (quanto cazzo parli, figlio mio?).

Vabè, senti, andiamo va'.

Ho visto una nutria nuotare nel fiume (bleahh) (Sara, Serena, Rubina, vi saluta tanto), sono sei ore che parliamo, io ho inteso che non c'è trippa per gatti, siamo superamiconi, quindi, dopo ALTRE chiacchiere di circostanza davanti alla mia macchina, risate, "Hai un capello bianco" "COSA STAI DICENDO?", gli dico "Bon, io vado, CIAO".

Mi sembra una cosa sensata. Avevo sonno. Era tardi. Me l'ero messa via.

Invece arrivo a casa e mi compare un messaggio "Non ho mica la peste bubbonica, perché sei scappata via così ALL'IMPROVVISO?" e ci ha messo in mezzo anche le parole "saluto lampo". SALUTO LAMPO? Eravamo là da SEI ORE! Ad un certo punto anche basta. Cosa dovevo fare ancora? Cosa voleva dire con 'sto cavolo di messaggio?

Io non ci voglio pensare più, però sarei curiosa di sentire altre opinioni.
Le mie le ho espresse nel titolo e nella prima riga del post.
Comunque adesso basta, io non faccio più niente. Eccheccavolo.



*dialettale, intraducibile, ma ci provo: credo che flirtare sia la parola che più si avvicina. Ma non rende.

25 commenti:

  1. Mah. Puzza di uomo inconcludente.

    RispondiElimina
  2. Mi intrufolo, ma in punta di piedi...che a commentare un post tanto personale mi sento quasi in imbarazzo. Della "verità è che non gli piaci abbastanza" ho fatto l'argomento principale del mio blog, sulla teoria che "se un uomo vuole fare una cosa la fa, punto" ho scritto km di parole. Quella me ti direbbe, per arrivare al punto, che si, non gli piaci abbastanza...che non ha senso mandare un messaggino DOPO, quando ormai sei andata via. Che una mossa se la poteva dare prima, che sei ore (+ molti anni, mi è parso di capire..) dovrebbero essere sufficienti per fare una mossa, per dare un segnale.
    L'altra me, quella che vive nel mondo incantato di un amore agli albori, ti direbbe di andare al sodo e chiederglielo, del tipo: "ma tu, cosa vuoi da me?" Per la serie via il dente via il dolore e male che ti vada sparisce per altri cinque anni...

    RispondiElimina
  3. Lauraaaa!!!si aspetta che faccia tu il primo passo! eccheccoglioni però! se ne vale la pena, fallo, ma solo se ti fa perdere la testa, sennò ciao! che con la cosa del capello bianco per me si è giocato tutto!

    RispondiElimina
  4. Mah, sinceramente? Ci sono tipi che fanno così, "tanto per". Amano non ficcare mai il piede in quella cazzo di scarpa e tenerci sotto un costante semi bollore a fuoco lento. Io scapperei!

    RispondiElimina
  5. No dai hai fatto più che bene ... non tanto per le 6 ore (il mio ragazzo al primo appuntamento ci ha messo 7 ore e mezzo prima di baciarmi, una gara di soprovavvivenza), ma perchè non puoi tirarla a una donna per anni.... Ma basta con questi uomini che ti chiamano ma non ci provano che ti faccio la frecciatina ma li devi condurre te.... E che cavolo una volta gli uomini affrontavano guerre, epidemie, migrazioni e ora manco sono capaci a far capire chiaramente a una donna il loro interesse o non interesse?

    RispondiElimina
  6. Mmm... Così senza pensarci mi verrebbe da dire che probabilmente è vero che non gli piaci eccessivamente, cioè non è convinto. Se uno un minimo è interessato ci prova insomma, e quel messaggio mi pare da uno che nella sua non convinzione vuole comunque tenersi una porta aperta che non si sa mai... Io sono dell'idea che quando ci si arrovella per cercare di capire il perchè di un comportamento maschile, di fondo abbiamo a che fare con uno che non è convinto di noi e che quindi manda messaggi contraddittori, pur non volendo mollare del tutto il colpo magari anche solo per narcisimo. Starei a vedere come si muove prossimamente e soprattutto se ti chiede nuovamente di uscire. Se non lo fa a breve lascia perdere. Ciao, Carla

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. Sì. Non sono entrata nei dettagli di quello che penso io perché c'è troppa gente che legge questo blog ormai. Diciamo che mi andrebbe bene qualcosa di poco impegnativo, ma lui non ci arriva.

      Elimina
    2. Mmmh non mi pari molto innamorina. Mi rendo conto che emerga pure la "questione di principio" dopo un po'. Io parlerei chiaro, non mi pare ci sia nulla da perdere.

      Elimina
  8. a me pare assolutamente inconcludente . vuole divertirsi un pò. però a dirla tutta che ne so...

    RispondiElimina
  9. Se posso permettermi, io rimango sempre dell'opinione che se un ragazzo ti vuole, deve mettersi in discussione. Deve trovare il coraggio di parlare apertamente e di mettersi in gioco per te. Se vedi che si ostina a non esporsi e a prendere (o perdere) tempo...io guarderei oltre :)

    RispondiElimina
  10. A me è capitata una cosa simile, lui arrivava per qualche motivo particolare, sempre quando io ero in situazioni strane, ma in realtà non era nemmeno quello. Lui era il mio amore quasi esclusivamente idealizzato, e quindi tutta questa indecisione davanti ai miei occhi da anima solitaria, appariva quasi romantica. Solo dopo l'ho capito, che l'inconcludente non era solo lui, ma io ci mettevo il mio, sapendo di essere in attesa di un qualcosa che alla fine, ero sicura che non sarebbe arrivato da quella direzione.(C'era affetto, simpatia, ma non amore) Mi piaceva più che altro sapere di piacere, di essere corteggiata. Spero che il mio pensiero non ti risulti troppo contorto, forse lo è di più nell'esposizione. Ciao, e piacere.

    RispondiElimina
  11. Un po' addormentato il ragazzo...cioè 6h ore e ti svegli solo quando vado via?! Ma anche no.

    RispondiElimina
  12. A me pare il tipico atteggiamento da uomo rincoglionito, è anche vero che se in sei ore non combina nulla, boh. Tienici aggiornate ;)

    RispondiElimina
  13. Scappa, cancella il numero, fai finta di trasferirti. Sono d'accordo con il titolo del post, tipico uomo che si annoia, non gli fai schifo e allora perchè no, ma non è convinto perchè insomma non sei proprio da una botta e via. Gli uomini hanno solo due categorie: quelle con cui fidanzarsi e quelle da portarsi a letto, tutto il resto li confonde. Io evidentemente ne devo aver confusi parecchi...

    RispondiElimina
  14. E comunque, tanto di cappello perché sei una delle poche che invece di dire "io sono troppo per lui" dice "forse non gli piaccio".

    Stima sempre.

    RispondiElimina
  15. ehh "la verità è che non gli piaccio abbastanza" è una frase che mi sono detta spesso in passato. Non conoscendo lui non saprei, magari vorrebbe fossi tu a gettarti tra le sue braccia (ma anche no), forse ha paura di prendere "il rimbalzone", ovvero che tu lo veda solo come amico... oppure è un rompiballs chiacchierone che, francamente, meglio perderli che trovarli (non sopporto i logorroici XD).

    RispondiElimina
  16. ne ho avuto uno così. pare che sia la nuova generazione di uomini-fighe. Altro che Rhett di Via col Vento, che se aveva voglia di baciare Rossella se la prendeva e basta, senza tanto chiederle il permesso. magari mi piaci anche... ma non ce la fa.

    RispondiElimina
  17. Ma fare qualcosa invece di aspettare sempre che sia l'uomo a muoversi? Perché dev'essere lui sempre quello coraggioso e intraprendente? Magari davvero non gli interessi più di tanto, magari invece arriva a un punto e poi diventa più timido, in ogni caso a 30 anni parlare chiaro mi sembra la soluzione giusta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto vivendo una situazione simile.
      Siamo legati da qualcosa che va oltre l'amicizia, la complicità. Ogni giorno mi stupisco di come sia possibile che la stessa persona sia capace di farti sentire tanto speciale in certi momenti e totalmente invisibile in altri.
      Ti piaccio ma non abbastanza, gli dico.
      Lui giura che non è vero e chiede a me cosa deve fare per dimostrarmi quello che sente.
      Vediamo che succede...

      Elimina
    2. Be', in realtà mi sembra che lei si sia mossa in realtà... non sarebbero neanche usciti se non glielo avesse chiesto lei, si era messa pure in tiro, che altri segnali deve dare? Io comunque lascerei perdere e basta, non sono le sei ore, sono anni che va così...

      Elimina
  18. scolta la zia carampana che ne ha viste un pò...assa star. se ti lanci tu una seratina giusta salta fuori,garantito. e dopo?o ti accontenti o diventa un tira e molla da ogni tot mesi.
    vedi tu se ti interessa divertirti per una serata o meno.
    Marta

    @ILNemico

    RispondiElimina
  19. ...boh, a me avrebbe fatto venire il nervoso già dalla citofonata a casa: altro che fosforo, ti ricordi dopo tutto sto tempo?...e poi, un po' di iniziativa, maschi, almeno quello!ma questo è solo il mio pensiero...

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...