giovedì 22 gennaio 2015

Considerazioni poco serie su Anna Karenina

Premessa: non mi permetterei mai di fare un commento serio a questo libro, quindi sono qui solo per scrivere le mie solite stronzate e per dire che mi ero accorta che il personaggio di Levin è in realtà il buon Lev stesso medesimo (Lev-Levin, ci voleva tanto a capirlo, eh).
Ah, questo post contiene spoiler.

Quindi, Anna Karenina.
Ho iniziato a leggerlo perché su twitter è partito in modo del tutto spontaneo una specie di club del libro con Silvia, Iaia, Michela e Anna. Lo stavano leggendo loro, ma sì, lo faccio anch'io. Ultima a partire, prima a finire (cosa volete farci, non ho una vita sociale e durante le vacanze sono anche stata male).
Ecco i miei pensieri sull'opera del buon vecchio Lev Tolstoj.

I nomi
Mi imbatto per primo in Stepan Arkad'ic. Che è anche Stiva. Ma che è anche Oblonskij. Subito parte il grande, enorme sconforto e la certezza di non farcela ad andare oltre le prime 50 pagine senza farmi partire un embolo.
Poi, caro Lev, ma un po' di fantasia no?
Anna ha un marito. Si chiama Aleksej. Anna ha un amante. Indovinate come si chiama? Oh sì, Aleksej. Ad un certo punto se ne rende conto pure lei e dice "Cazzo, ma si chiamano anche nello stesso modo!" (ok, ho leggermente parafrasato).
E Anna avrà una figlia. Indovinate come la chiama? No, indovinate. Ma Anna ovviamente. Per gli amici Annie, non si sa mai che ci si confonda. Anna ha anche una ragazzina inglese sotto la sua protezione. Hanna.

Le paranoie
Pensate di essere campioni mondiali di viaggi mentali?
Credete che nessuno possa battervi quando vi fate dei film mentali leggeri come la corazzata Potemkin?
Beh, VI SBAGLIATE.
Nessuno, nessuno può battere i personaggi di questo romanzo quanto a paranoie.
Paranoie assurde, articolate, angosciose, che durano capitoli interi e basate assolutamente sul nulla.
"Non mi ama più, ah, lo so che non mi ama più, ho visto come ha abbassato le palpebre di un grado e mezzo in più del solito per guardare di sottecchi questo tizio che è arrivato in casa nostra da sei secondi e che fra altri sette secondi se ne andrà, quasi quasi mi uccido, anzi no, prima le faccio una scenata".
Tutti così. La follia vera.

Quanto ci piace falciare l'erba
Il co-protagonista del libro è tale Levin, di cui si parlava prima, una piaga vera di uomo.
E a lui gli piace falciare l'erba. Gli piace tanto. E ce lo racconta per tipo 50 pagine.
50 lunghissime pagine. Di sudore, erba, fieno, falci lunghe, falci da affilare, contadini, oh ma qui siamo già passati, aspetta che non ti sto dietro, va' che bravo quello falcia meglio di me.
E quando smettono di falciare vanno a caccia.
E via con altre 750 mila pagine sulla caccia in cui non succede NIENTE. E il cane, poi l'altro cane, ma siamo in tre siamo scomodi, ah ma io mi fermo qui per andare un attimo a puttane, ecco io invece mi alzo all'alba e prendo tutte le beccacce brutti stronzi, il freddo, il caldo, il tiepido.
Quando smettono di cacciare votano.
Per altre 640587267 mila pagine.
Questa parte non mi è chiarissima, ammetto di aver saltato dei pezzi. Comunque lo stesso Levin in sostanza non ha capito una beata fava e quando è il momento di votare va a caso. Dopo che tua moglie ha speso 80 rubli per farti fare l'uniforme e farti andare figo alle votazioni tu non capisci un cazzo? Sei veramente una persona orrenda.

Anna
All'inizio mi piaceva. Mi piaceva davvero un sacco.
Poi inizia a fare una stronzata dietro l'altra e, un po' alla volta, ad essere la madre di tutte le piaghe.
Lei è The Queen of Paranoia.
Tanto che, ad un certo punto, la vorresti proprio spingere tu sotto al maledetto treno.
Alla fine si butta, ma è sempre troppo tardi.
Io, quando è successo, ho applaudito mettendomi in piedi sul divano.

Parte ottava
È l'ultima del libro, ho scoperto che il buon Lev ha dovuto pubblicarla successivamente e a sue spese perché il governo russo non era d'accordo con quello che c'era scritto.
Ecco, Lev, potevamo seriamente farne a meno.
Anna si butta sotto al treno e fine. Bravi tutti.
Non c'era bisogno di tutta quella manfrina sulla guerra e sulla religione.
Che probabilmente è la parte più importante di tutto il romanzo, ma una palla che non sto qui a dirvi.

In conclusione, potrebbe sembrare di no, ma il libro mi è piaciuto.
Avrei solo preso a schiaffoni forti tutti i personaggi plurime volte.
Forse l'unico che mi è stato un po' simpatico è Stepan Arkad'ic, un bonaccione senza coscienza. Ma anche lui si sarebbe meritato una sana dose di schiaffoni eh.

Ora mi dicono che dovrei leggere Guerra e Pace.
Io penso che per un po' mi terrò su libri più leggerini.
O almeno credo.

16 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. (Scusa, ma nel commento precedente ho pasticciato. Lo riappiccico qua)

    Eh no, non puoi deludermi così! Anche perché su «Guerra e Pace» Tolstoj era più giovane e meno deluso dalla vita familiare, ma soprattutto i personaggi hanno dei nomi più eterogenei. Amo questo libro al punto da averlo riletto proprio un anno fa, dopodiché amo tutti i protagonisti, ancora di più (il Principe Andréj in particolare).
    Non credo che rileggerò Anna Karenina: ricordo un fastidio sempre più vicino alla nausea verso quel pesce lesso di suo marito, insieme alla voglia di prendere a ceffoni l'amica beghina che segretamente è innamorata di lui. Anche se i ceffoni più sonori, quelli proprio a mano aperta che fanno: “Ciafffff!”, li avrei riservati a Vronskij. Questo bischero che all'inizio prende in giro Kitty, poi quasi per scherzo inizia a fare la corte ad Anna e poi, bamboccione che non è altro, alla fine si fa comandare a bacchetta dalla madre. Ma gli scapaccioni!! A Lévin invece ho voluto sinceramente bene, confesso. Un po' come ne ho voluto a Pierre, sebbene in misura inferiore.

    Fa' la brava, ascolta zia Brunhilde e leggi «Guerra e Pace».
    Poi commentiamo insieme quanto ti pare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non saprei scegliere il personaggio che si merita lo schiaffone più forte, però in effetti Vronskij è nelle posizioni più alte della classifica.

      Guerra e pace. Dai, ci proverò, promesso. Però prima farò un po' di pausa con qualche libro più leggero.

      Elimina
  3. L'ho letto tantissimi anni fa (ero ancora una spettinata 18enne) e ricordo di esserne rimasta entusiasta. Ma all'epoca più una cosa era pesantona più mi ci buttavo a pesce.
    Mi è capitato di rifletterci recentemente e di provare un odio smisurato verso quella deficiente patentata di Anna. Per cui sono con te. Col cuore e con le grassissime risate che mi hai fatto fare nel "capitolo" sul taglio dell'erba!

    RispondiElimina
  4. Si fosse buttata sotto al treno 300 pagine prima saremmo stati tutti più felici.
    Forse una delle protagoniste che ho odiato di più e uno dei libri più pesanti che abbia mai letto.

    RispondiElimina
  5. Io te lo dico: dovresti leggere Guerra e Pace. Dovresti perché é il singolo libro piú bello della storia. É ormai l'unica cosa che mi rende fiera di essere nata in Russia.

    RispondiElimina
  6. Guarda che tra due o tre tranquilli Guerra e pace te lo becchi, ho già l'ebook.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma mi sto convincendo che devo leggerlo. Quindi ci sto.

      Elimina
  7. io con la letteratura russa proprio non ce la faccio... un po' come con quella sudamericana! (lo so che sto per dire, agli orecchi di molti, una bestemmia... ma io Marquez proprio non ce l'ho fatta a finirlo! Cento anni di solitudine sono arrivata fino a pagina 150, poi ho deciso che era il caso di riportarlo in biblioteca! )
    Io avevo cominciato col dottor Zivago... abbandonato dopo una cinquantina di pagine.... sono 3 o 4 i libri che ho cominciato ma mai finito... poteva andarmi peggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, io Cent'anni di solitudine l'ho finito, ma ho fatto una fatica boia. E non ho finito Sulla strada, per me improponibile. Col Dottor Zivago non ci ho neanche provato!

      Elimina
    2. sulla strada l'ho letto tutto... ma non mi ha entusiasmato un granchè.... allora mi consola sapere che Marquez non è stato una difficoltà solo per me!!

      Elimina
  8. Anna Karenina l'ho cominciato 3 volte, e per due volte mi sono interrotta in un punto dove sproloquiavano di allevamenti di maiali, credo. Al terzo tentativo ho saltato i maiali e sono arrivata in fondo tutta intera... anche se non avrei mai pensato di farcela!! O.o

    RispondiElimina
  9. in pratica il film che ho visto ha saltato i pezzi noioisi sulla caccia....tenuto le paranoie...e saltato l'ultimo capitolo politico...ok stasera cancello il libro dall'i pad!

    RispondiElimina
  10. Mancavo da troppo tempo dal tuo blog, mannaggia!
    Adoro questo libro ma adoro ancor più la tua interpretazione, sappilo XD
    Ti consiglio Guerra e Pace ma preparati pissicologgicamente a smadonnare come e quanto per Anna!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...