venerdì 20 febbraio 2015

Fiera Cucinare 2015

È stata una settimanella impegnativa questa che finalmente sta per finire. Anzi, in pratica è durata 15 giorni.
Da sabato sono stata alla Fiera Cucinare a Pordenone, a lavorare in uno stand. In realtà ci sono stata solo sabato e martedì, ma lunedì ho vinto un viaggio in auto a Milano (anzi, ad Agrate Brianza), quindi è stata tutta una corsa.

Ma parliamo della fiera. 
Non è enorme, ma secondo me merita. Anche solo per il fatto che se si vuole si beve fino a svenire. Vino buono per altro. Senza accorgermene mi son trovata in mano calici e calici. Magari alle 10 di mattina anche no, grazie. Ma dai, solo un goccio. Ma dai, facciamo di no. Ma da mezzogiorno in poi, chi li ha più contati. 
 


Ovviamente offrono anche cibo nei vari stand, ma sono assaggini, niente di "serio". A parte quando ho capito la tecnica e mi segnavo quando davano gli assaggi allo stand Fior fiore Coop e praticamente ho pranzato con pane + affettato misterioso friulano buonissimo e caldo. "Signorina, beva un bicchiere di rosso con quell'assaggio!" Pronti qua.
Sennò comunque si possono comprare panini, crostini, robine e robone. A prezzi bassi.
In realtà ci si poteva prenotare ed assistere gratuitamente a dimostrazioni di scuole di cucina e chef vari, che poi distribuivano i piatti che avevano preparato. 
Gli ospiti più famosi (almeno, io quelli conoscevo) sono stati Luca Montersino e Chef Rubio. Ecco, per mangiare i loro piatti invece si pagava. Boh, secondo me non è una scelta azzeccata. Comunque si poteva assistere anche gratis (in piedi e senza mangiare).



Il problema enorme è che io avrei comprato tutto. Mi sono trattenuta molto. Il mio stand, poi, era vicinissimo a due banchetti che vendevano tisane. La morte insomma. 
Alla fine ho comprato:
- tisana banana e caramello
- tisana fragola e kiwi
- tisana alla pesca melba (per un totale di € 4 per tutte e tre "Ehi, amico, sono anch'io un'espositrice!" e mi ha fatto lo sconto) (avrei potuto dire "Ehi, sono una blogger, fammi testare i tuoi prodotti che li recensisco" *risate registrate*) (temo che qualcuno lo faccia davvero)
- olio di argan marca Biomeda che cercavo da anni
- barattolone delle meraviglie per fare i muffin

Cosa avrei voluto comprare:
- n. 28 teglie in silicone per fare torte e muffin e cioccolatini e altro
- coso in silicone per cuocere a vapore (e a me fa schifo la roba cotta a vapore)
- crema al pistacchio tipo nutella ma verde
- altri barattoloni delle meraviglie per fare biscotti o cioccolata calda
- pentole. Molte pentole.
- coltelli di ogni foggia e colore. Ma tendenzialmente rosa.
- gubana (dolce tipico friulano)
- chili di taralli pugliesi (che ho comunque mangiato, prendendone manciate dal banco degli assaggi)
- altre tisane
- formaggio di ogni tipo
- un tartufo che può sempre servire (non so bene a cosa)
- chili di spezie che non so usare
- il bimby (ma che cucine enormi avete per farcelo stare dentro?)
- un carretto per fare la pasta in giro per la strada
- altro

E finalmente ho visto il famoso Chef Rubio.
Che ha fatto un piatto tipicamente romano, le sarde in saor
Comunque, troppi tatuaggi per i miei gusti. 

E adesso voglio solo riposarmi.
Dormire.
Dormiiiire.

10 commenti:

  1. La meraviglia.

    RispondiElimina
  2. La crema di pistacchi tipo Nutella verde la dovevi prendereeeeee!
    Anzi, no perchè è una droga e quando finisce ti senti vuota e in overdose.
    Anzi, sì la dovevi prendere. Viva le droghe (ovviamente scherzo. A parte con la crema di pistacchi).

    RispondiElimina
  3. Lo so, LO SO, sono già pentitissima.

    RispondiElimina
  4. Ma le tisane che hai fotografato sono quelle di Tea & Coffee House?
    Perchè è a 10 minuti da casa mia e quelle tisane sono una cosa meravigliosa! Nella Gingerbread House ci sono dentro I POP CORN! Aaaah...

    RispondiElimina
  5. Sì, sono proprio loro!
    E adesso mi mangio le mani per non averne comprata neanche una.

    RispondiElimina
  6. Hai fatto un po' tipo me all'Artigiano in Fiera... e tieni presente che io avevo un ristorante di pesce alle mie spalle!!! ;) Anche io praticamente pranzavo e mangiavo a furia di fare assaggini!! ;) La crema verde al pistacchio è qualcosa di fantastico, ne ho comprato un vasetto da usare qui a casa... e ho preso pure quella alla mandorla! Taralli come se piovesse... all'Artigiano c'era lo stand di Sal de Riso... forse un giorno c'era pure lui, perchè lo stand era pieno... le altre volte invece no! ma non ho comprato niente... e un po' me ne sono pentita!!!

    RispondiElimina
  7. in qualche supermercato si trova la crema di pistacchio ( non sarà buona come quella artigianale etc etc, ma almeno ti togli lo sfizio ;) ) voglio anch'io un sacco di stampi da cucina e pentole!! La mia ultima fissa sono le finte pentole che in realtà sono piatti/ciotole per minestre e passati :)

    RispondiElimina
  8. Sono strabuone! Hanno anche lo shop online se ti interessa. Sotto le feste ti consiglio i the natalizi buonissimi, io ho la fissa per le loro tisane alla frutta e spezie, ma hanno anche tantissimi the particolari :)

    RispondiElimina
  9. Ehehehehe io ti avevo avvisato che verrebbe voglia di comprare qualsiasi cosa =D Quest'anno, purtroppo, non sono riuscita a passare ='(

    Oddio la crema di pistacchi...chissà che buona...! Meglio non pensarci =P

    RispondiElimina
  10. Ahia, pure il sito? Mi toccherà comprare qualcosa :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...