martedì 21 aprile 2015

Io e il Campionato Italiano di Yoga Sport

E fu così che sabato scorso sono finita al Campionato Italiano di Yoga Sport, al Teatro Verdi di Pordenone.
Perché? vi chiederete voi. Perché no? vi rispondo io. Ero curiosa di vedere come si sarebbe svolta una gara di yoga e magari sarebbe stata l'occasione per farmi venir voglia di dare un'altra opportunità a questa disciplina. E infatti così è andata.
Dunque sono giunta al teatro, la gentilissima Valeria dell'agenzia Cricket mi è venuta a recuperare, mi ha fatto saltare la coda e mi ha fatto entrare prima di tutti. Io già così sarei stata a posto. Sono una ragazza semplice, sapete. Poi, colpo di scena, avevo anche il posto riservato.
Ho conosciuto il presidente della Federazione Italiana Yoga Sport e altre persone che si sono occupate dell'organizzazione.

All'inizio si sono esibiti dei bambini, alcuni piccolissimi e carinissimi. Da mangiarseli.
Alcuni di loro hanno poi partecipato alla competizione, nella categoria giovani, facendo cose che io mai mai mai nella vita mi potrei sognare. Del tipo che mi ci vorrebbe un mese per snodarmi. O mi partirebbero via delle articolazioni a caso. Ma loro no. Tric, trac paf, fatto. Lì, tranquilli e annodati.
Gli atleti avevano a disposizione tre minuti ciascuno per eseguire sei asana (lo sapevate che è femminile? Io no. LA asana. Non il.), dopodichè tre giudici internazionali davano loro un punteggio.
Le categorie erano tre, giovani, adulti e senior, divisi tra uomini e donne. Hanno partecipato anche degli atleti stranieri, ma in categorie a parte.
Ho visto cose assurde. Gente che della gravità se ne frega. Gente a testa in giù (anch'io voglio!). Gente attorcigliata. Gente serena e concentrata.

Alla fine della competizione si è esibito il campione mondiale di Yoga del 2007, Ky Ha. Pazzesco. Notevole anche il suo costumino in lamè. Mi dicono che ne abbia tutta una collezione che varia dalla ciniglia alle paillette.
Alla fine ho anche potuto fargli alcune domande che ovviamente non mi ero preparata perché sono un'incompetente. Quindi ho sfoderato il mio fantastico inglese e gli ho chiesto da dove venisse (Vietnam, ma quando aveva tre anni i suoi si sono trasferiti in Texas e in seguito ha girato il mondo) e quando avesse iniziato a praticare lo yoga. "Nel 2003" MACCOME nel 2003, poi sei diventato supercampionissimo nel 2007?? Eh già. In quattro anni. Allora gli ho detto "Ok, ma allora posso farlo anche io!" Lui, gentilissimo, non mi ha mandato a zappare i campi, ma mi ha incoraggiato. Sei un falso Ky Ha, ma ti voglio bene lo stesso.
Dopo una passeggiata per Pordenone (che è proprio carina, non ero mai stata in centro) siamo andati a cena in un bellissimo agriturismo ad Azzano Decimo. In sostanza, a parte il secondo (che cambiava a seconda che si scegliesse il menù vegetariano, vegano o con carne), ho mangiato vegano. E sono ancora viva per raccontarlo! Anzi, forse sono stati più buoni i piatti vegani del resto.
Cuori per il tiramisù alle fragole soprattutto, immagino fosse fatto con panna di soia (Mic, ti ho pensato molto).
Considerazioni finali da profana: erano tutti piuttosto magri, ma di cellulite ne ho vista. Ma se non ce la fanno loro ad eliminarla, mi domando, che possibilità potrò mai avere io, comune mortale?
Poi, dove si comprano quei body così carini? 
Ottimo il gelato azzurro all'alga spirulina che mi hanno offerto durante una pausa della gara. Mi farà crescere i capelli?
Infine: dove posso trovare l'atleta argentino? Porca miseria. Bello. Ma bello bello. Mi è rimasto il dubbio che fosse un nano da giardino, dato che tutti gli altri mi sembravano altissimi e invece poi no. Ma non importa eh. Mi metto le ballerine.
Dimenticavo, ho cambiato nome :)

6 commenti:

  1. :-) Bello leggerti.
    Puoi farcela anche tu...io è un'anno che pratico ed ero sul palco (ed ho 50 anni ad Agosto!!) ,magari ancora non mi contorco come i ragazzini, ma credimi possiamo raggiungere mete altissime con dedizione ,amore e tenacia. Confermo.......la cellulite diminuisce ma non scompare miracolosamente , quella maledetta !!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie Elena!
    E complimenti per la gara!

    RispondiElimina
  3. Sabrina De Giusti22 aprile 2015 16:01

    Cara Laura, parlo a nome di Cricket ma anche di tutta la Federazione Italiana Yoga Sport: è stato un piacere averti fra noi. A breve ci saranno altri eventi che organizzeremo e sicuramente ti chiameremo. Grazie anche per il tuo articolo, molto apprezzato. Per i body carini la soluzione ce l'ho quindi dai un occhio a www.dancedirect.com per la cellulite invece non ci sono soluzioni se non conviverci. A presto.

    RispondiElimina
  4. Marta Petriglieri22 aprile 2015 18:05

    Ma che figata! Posso dirlo?? A me piace un sacco yoga e ho un'amica che in 5 anni mi è diventata bravissima nell'ashtanga yoga (uno dei vari stili). Peccato che viva in Olanda, se no mi aggregavo a lei volentieri. Io in realtà sono alle prime armi, seguo i corsi online della Scimmia Yoga. Meglio di niente (anzi, lei è bravissima) visto che qui di corsi manco l'ombra!

    RispondiElimina
  5. Grazie Sabrina, è stato un piacere anche per me!

    RispondiElimina
  6. La Scimmia Yoga? Devo assolutamente scoprire di cosa si tratta.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...